giovedì, ottobre 18, 2007

aspettando il 20 Ottobre...l'ONU

«Con il pretesto della flessibilità per modernizzare il mercato del lavoro, la legge 30 del 2003 ha creato una situazione di precarietà preoccupante.
Secondo le statistiche ufficiali, i contratti a termine sono diventati quasi l’unico modo che hanno i giovani di trovare un impiego ma poi è raro che questi si traducano in lavori stabili, con un rapporto di uno a 25.
Stanno aumentando le distorsioni del mercato del lavoro, specialmente nel sud del paese dove la diminuzione del tasso di occupazione ha raggiunto livelli allarmanti». Non sono le considerazioni note della sinistra radicale o dei metalmeccanici Fiom, critici sul Protocollo del governo perché conserva gran parte della legge 30, ma le osservazioni della Commissione di esperti dell’International labour organisation, Ilo, agenzia delle Nazioni unite per i diritti del lavoro, che ha preso in esame il caso italiano.
Insomma, Il governo "cazziato" e la Legge 30 viene condannata anche dall'Onu.
Leggete l'articolo completo che merita.
Riporto anche questo passo:
In sintesi, è stato richiesto «un ritorno alla centralità del rapporto di lavoro a tempo indeterminato come forma tipica di occupazione», attraverso una concertazione che vada a beneficio dei lavoratori, in termini di condizioni salariali e di vita, e non solo delle imprese.Inoltre, sono da affrontare con urgenza i problemi del lavoro irregolare, le persistenti disparità territoriali e di genere nell’occupazione, la dispersione scolastica, la disoccupazione di lunga durata, i bassi livelli di istruzione e, come indicato dal sindacato, la questione dell’età pensionabile, non risolvibile con scaloni più o meno alti, ma con forme migliori di flessibilità in entrata e in uscita. Il governo dovrà presentare un rapporto dettagliato sulle misure prese in questa direzione e sul loro impatto.
Tuttavia, a parte un’effettiva ripresa del dialogo sociale, non sembra che il Protocollo sul welfare sia in linea con le osservazioni dell’Ilo riguardo alle modifiche radicali della legge 30, che poi coincidono con le posizioni iniziali del sindacato e della sinistra, tutta, ai tempi del governo Berlusconi
CHI HA RAGIONE?
Stavvedè che le Nazioni Unite sono diventate Communiste e massimaliste!
D'Alema, Rutelli, Veltroni, attenti....uno spettro s'aggira per il mondo!.... Buh!
(e so' soddisfazioni!)

Al 20 ragazzi..e l'articolo del Manifesto fatelo girare.

3 commenti:

Giovanni ha detto...

"non sembra che il Protocollo sul welfare sia in linea con le osservazioni dell’Ilo riguardo alle modifiche radicali della legge 30"

Questa è un opinione personale del giornalista del Manifesto. Io potrei dire che il protocollo sul walfare fa proprie in toto le osservazioni dell'Ilo. Quindi?

ladytux ha detto...

@Giovanni.. cioè devo chiedere il permesso per postare il pensiero del giornalista che è anche il mio?

ma visto che non sei d'accordo, ti chiedo di spiegarmi dove nel pacchetto ci sia "centralità e tipicità del lavoro a tempo indeterminato" ti chiedo in che modo il pacchetto risolve le disparità geografiche e in che tempi..e perchè i punti del programma del csx sono stati stravolti o come, secondo te siano stati rispettati.
Grazie.
Ldtx

Alessandro ha detto...

Che meraviglia! Intendo dire... sono stupito che l'ONU si occupi di queste cose e ne sono piacevolmente sorpreso. Certo mi viene da chiedermi perchè non vengano riprese certe notizie a nove colonne.... Forse l'ONU fa notizia solo quando parla di teatri di guerra e rende felice il governo di turno.
Il protocollo sul welfare non lo conosco molto, mi sto un pò disinteressando, quindi non critico. Certo ora si dovrebbe accusare l'ONU di connivenza con l'eversione brigatista visto che è la classica accusa che si fa a chiunque critichi la legge 30.
Saluti.
Alessandro