giovedì, marzo 01, 2007

Turigliatto

eh no, stavolta non sono d'accordo con le tesi rivoluzionarie per un semplice problema di logica e coerenza.
Turigliatto è stato inserito in lista 'blindata' quindi con la sicurezza di essere eletto.
Turigliatto ha accettato e sottoscritto un programma di 282 pagine con l'Unione e quindi con il suo partito.
Agli elettori è stato chiesto di votare "quel" programma... ce lo siamo letto mi pare
Beh se in quel programma non c'è scritto che ce ne andavamo dall'Afganistan, anzi, Turigliatto non puo' decidere per tutti gli elettori del centro sinistra, che io sia d'accordo o meno con l'idea di fondo.
Nel programma (che tra l'altro è online proprio sul sito di rifondazione) è sottolineato che le missioni 'onu' non si toccano.
Giusto, sbagliato, non ci piace, ci fa incazzare...ma quest'abbiamo accettato e Turigliatto per primo.
Turigliatto ha fatto un patto con il partito (e gli elettori) ed ha accettato la linea di quel partito per 5 anni...non ha mantenuto i patti. Vai fuori dal partito. Perchè resti in un partito se non rispetti i patti e la linea decisa?
Posso capire (benissimo) il problema di coscienza, ma se hai un problema di coscienza ti dimettevi sei mesi fa..quando s'è votato il rinnovo.
Politicamente ha causato un danno sia al suo partito che alla sinistra radicale tutta
Non dovevano mandarlo via?
Sarà, ma a me pare l'unica cosa sensata che hanno fatto da aprile ad oggi ( e ve li dice una che ha sempre votato RC)
Su Vicenza puo' anche impuntarsi, visto che il programma dice altro, sull'Afganistan purtroppo no.

9 commenti:

penserEnsuite ha detto...

Mai votato per RC ma condivido completamente il tuo post! :)

meinong ha detto...

Spiegami qual è il passo del programma dell'Unione che dice che le missioni Onu non si toccano.
A me pare che una cosa precisa in questo senso non ci sia


Pensatoio

ladytux ha detto...

meinong da pagina 98 a seguire.
Se vuoi un passo preciso basta anche solo questo, ma leggendo il tutto ti renderai conto (e ti roderà il culo)che c'è una voglia di riforma ma un sottostare alle nazioni unite e Co. (si che ti roderà il culo, ma quest'è)
non ti posso riportare il tutto, qui.
Poi leggiti anche la 'guerra al terrorismo' ma prometti che a votare ci riandrai..che io ho vacillato.
'Il rafforzamento dell’ONU come contributo ad un mondo multipolare, e più in generale il rafforzamento delle organizzazioni internazionali cui l’Italia appartiene, insieme ad un progetto di unità europea, è il primo interesse nazionale: è una convinzione che segnato la politica estera repubblicana. Tale convinzione è sancita da un preciso dettato costituzionale che prevede sacrifici di sovranità nazionale, purché su base di reciprocità, ad organismi democraticamente rappresentativi. Per la maggioranza del popolo italiano tale orientamento non è indebolito da atteggiamenti nostalgici o da anacronismi nazionalisti o neocoloniali..."
'L’Italia, per la sua storia, per i valori di cui è portatrice e perché ciò corrisponde ai suoi interessi, deve naturalmente aspirare a un ruolo attivo nel rafforzamento dell’Onu, in un momento particolarmente delicato in cui è sottoposta a un’iniziativa di riforma non sempre coincidente con l’obiettivo del suo rafforzamento.

ladytux ha detto...

aggiungo anche queste di righe..oi il senso c'è
Queste considerazioni ci dovranno indurre a un’applicazione rigorosa dell’articolo 11 della Costituzione che, oltre all’ovvio principio di autodifesa, prevede e consente l’uso della forza soltanto in quanto misura di sicurezza collettiva, come previsto dal capitolo VII della Carta della Nazioni Unite, secondo criteri che distinguono la funzione di polizia internazionale dalla guerra

Spartacus Quirinus ha detto...

Sciolgo la riserva... avrai il mio voto! Stavolta concordo completamente con te. Non capita sempre, ed è giusto che sia così, mi sembri una degna rimpiazzatrice di Tisbe.

Skeight ha detto...

Quello che ho cercato di dire in tutti i modi sul mio blog, tu l'hai riassunto in forma molto più breve ed elegante! E' una consolazione passare sul tuo blog, continua così ;)

korvorosso ha detto...

bene, diciamola tutta allora.
1° Quoto il commento di meinong: dov'è che si parla di missioni ONU nel programma?
2° Missioni ONU? Ma cos'è l'ONU, la succursale del Padreterno in terra? L'ONU fa un sacco di delibere che puntualmente vengon disattese (vedi Israele) L'ONU ha avallato un intervento militare, dopo l'attentato dell'11 settembre per "liberare l'Afghanistan dalla dittatura talebana" Il principio è sempre lo stesso: Esportare la democrazia con la forza. L'efficacia di questo principio, a prescindere dalla sua legittimità, è sotto gli occhi di tutti. In Afghanistan e in Iraq. Ammesso poi che questo principio possa essere accettato, perchè l'ONU non dispone altrattanti interventi armati in Arabia Saudita, negli Emirati Arabi, in Kwait, in Pakistan e in tutti quei paesi che fanno dei diritti degli uomini e soprattutto delle donne carta igienica, paesi come quelli che ho appena citato ma che per motivi che ben conoscete non si possono toccare? Il governo Prodi sarà anche il più avanzato possibile, come i miei compagni dirigenti del PRC si affannano a ripetere, ma per giustificare la STALINISTA espulsione di Turigliatto, che sì ha sbagliato, ma la cui posizione rappresenta il 30 per cento abbondante del partito, e che candidandosi deve rispondere a quel 30 per cento e non ad impegni che ha non sottoscritto, per favore portate argomenti un pò più "di sinistra".
p.s.: una domanda: ditemi che differenza ci sarebbe tra le politiche di governo che ci aspettano e un governo allargato all'UDC con Rifondazione fuori.A prescindere dai numeri per formarlo.

fabio ha detto...

ladytux, ti sfugge un particolare: i senatori non hanno vincoli con il partito, non sono chiamati a rispondere al partito, sono funzionari statali che devono assolvere secondo scoscienza le proprie preferenze. Lo dimostra il fatto che pur essendo cacciato continueà ad esercitare il suo ruolo. RC ha fatto una semplice operazione politica, probabilmente anche in accordo con il senatore: "per ridurre al minimo i danni facciamo in modo che non ricada sulla già precaria RC, esci e fai come credi, basta che non incolpino tutto il gruppo".

ladytux ha detto...

Famose a capi'
Io politico accetto un programma e sto in un partito
(non entro nel merito se sia giusto e corretto sia il programma che il fatto che si faccia quel che dica il partito)
Le regole del gioco sono queste.
Se diventi militante del partito accetti le regole del gioco o no?
Se diventi senatore, e sei nel partito, per 'logica' dovresti giocare con la strategia del partito o fare la scheggia impazzita?
com' è che con De Gregorio ci siamo incazzati tutti?
Resti senatore ma non vedo perchè continuare a stare in un partito che non ti appartiene (e viceversa)
Si sarebbe dovuto dimettere anche da senatore PER ME, perchè se sei coerente e idealista, non accetti lo stipendio di un paese che va in Afghanistan. Come per chi è idealista e comunista non accetta nemmeno la falsità di candidarsi per un governo di csx con mastella...allora i compromessi per governare...solo quando ci pare?