mercoledì, settembre 26, 2007

aspettando il 20 ottobre

i 4 punti del Pdci sul protocollo lavoro e pensioni:

1) L'eliminazione di qualunque vincolo finanziario limitativo per i lavori usuranti. L'accordo prevede infatti che, di fronte ad una platea di 1.400.000 lavoratori usuranti, l'uscita prevista sia di sole 5.000 unità l'anno. Non solo, va anche modificata la parte che riguarda i lavoratori turnisti, che di fatto verrebbero esclusi.

2) Garanzia per i lavoratori precari di una pensione pari ad almeno il 60% della retribuzione.

3) Il ripristino dei disincentivi alle prestazioni straordinarie. E' del tutto evidente la contraddizione fra l'intenzione dichiarata di sostenere l'insediamento al lavoro dei giovani e l'adozione di una misura che riduce le opportunità di nuova occupazione.

4) L'abolizione della proroga per il tempo determinato.
L'affermazione che il contratto a tempo indeterminato deve costituire la regola nel rapporto di lavoro dipendente non può essere smentita clamorosamente da norme che vanno nella direzione opposta. Riteniamo inoltre, che il recepimento dell'accordo non debba essere inserimento in finanziaria.


come già ribadito qui, il protocollo non solo non rispetta il programma, non solo è opposto al programma (pag, 162) ma è assolutamente contro i lavoratori e gli aspiranti tali. (ormai siamo alla stregua dei provini del grande fratello...)

Sempre che un lavoro da precario, senza futuro e a condizioni pessime, voi lo chiamiate lavoro.

Vedo due tipi di problemi, la mancanza del lavoro e la mancanza di dignità del lavoro.
un lavoro che ti fa vivere alla giornata, che non ti permetta di guardare a domani, non solo è deprimente ma svilisce l'essere umano.
Una generazione che non ha mai smesso di fare "lavoretti", gli stessi che ci servivano a 15 anni per avere il pieno al motorino, gli stessi che oggi dovrebbero permetterci di avere un futuro? La vedo difficile.
La manifestazione, pacifica, non strumentalizzabile e numerosa è l'ultima speranza di avere una politica di centrosinistra. Non bolscevica, non marxista, ma semplicemente una politica che rispetti un programma mediato da tutti, dai comunisti come dalla margherita. Per essere stato accettato dalla margherita non doveva essere cosi' "radicale", eppure, sono riusciti a farlo diventare un programma assolutamente improbabile perchè troppo estremista... non sarà che sono loro fuori dal governo di centrosinistra e ormai una succursale di confindustria?

il 20 ottobre io manifesto perchè, purtroppo, continuo ad aver ragione.


e spero che si abbia ragione in "troppi".

6 commenti:

filomeno ha detto...

ciao lady!!
era un po' che non ti si vedeva.

ad occhio e croce sono d'accordo con i punti proposti dal pdci, solo sui turnisti e sulla 3) ho qualche dubbio

Skeight ha detto...

Sono d'accordo su tutti e quattro i punti.

elena ha detto...

Evvai, Ladytux!
Concordo in pieno.
Una volta si diceva che si lavorava per vivere e non il contrario... adesso si vive per trovare un lavoro che il più delle volte non solo non ti piace (che "sarebbe il meno") ma neppure ti fa vivere... E questo vale per me che sono quasi vecchia (ragazzi, preparatevi a pagarmi la pensione!), per voi che siete giovani e per mia figlia, che ancora "giovane" non è.
A meno che...
Massì, tutti in piazza il 20 ottobre, con le pagine del programma - almeno il capitolo-lavoro - in mano!!!
Anzi no. Tuto il programma, così gli smemorati magari, vedendo nero su bianco quello che hanno firmato... :)
Suerte!!!

capelli ha detto...

Speriamo di non dover continuare ad aver ragione per troppo tempo ancora....è ora di riscuotere il premio per aver stipulato il patto politico. O ce lo danno o si capovolge il tavolo a questo punto....

luigi ha detto...

L'Accordo del 23 luglio prevede di valutare entro il 2008 "di verificare l’adeguatezza degli attuali meccanismi di tutela delle pensioni più
basse e di proporre meccanismi di solidarietà e di garanzia (che potrebbero portare
indicativamente il tasso di sostituzione al netto della fiscalità ad un livello non inferiore al
60%), facendo salvo l’equilibrio finanziario dell’attuale sistema pensionistico". Praticamente è quanto propone il Pdci solo che si vuole valutare la cosa prima di farla partire.
E poi io sono per il Partito democratico e vorrei che tutti i lavoratori dipendenti avessero per legge uno stipendio minimo di 2500 euro rivalutabile annualmente in base all'inflazione e che la pensione sia al 100% dell'ultima retribuzione.
Se basta dire quello che ognuno vorrebbe penso che non dobbiamo porci limiti. A presto.

ladytux ha detto...

@elena...sei una di quelle fortunate che un minimo di pensione l'ha maturata? bene! poi che te la paghino, staremo a vedere, io mica ci giurerei...ma no su, scherzo...
lo so perchè vuoi andare in piazza con tutto il programma, almeno l'acquisto si rende utile :-D
@filo..ma se lo straordinario lo pagano come l'orario normale, perchè far fare l'orario normale a due persone? puo lavorare il doppio uno. perchè non sei d'accordo con il punto sui turnisti?
(ero tentata di chiuderlo... per questo non c'ero)il perchè te lo spiego nel prossimo post tra le righe.
@luigi...
2008? ad arrivarci...(non loro, noi), sul pd, vabè ti grazio stavolta va :-D
@capelli...sarebbe da farlo...ma chi ci rimetterebbe purtroppo saremmo noi. Capirai non aspettano altro! finche ci se la fa, tocca tirare la corda sperando che il fiocchetto si sposti a sinistra...tra un po' mi converto ad una religione qualsiasi ed inizio a pregare.
@skeight.. :-D
besos rojos
ladytux