lunedì, novembre 12, 2007

Gli statisti del momento

Quando succedono fatti di cronaca evito di commentarli per non cadere anche io nel "purchè se ne parli" e ricamiamoci sopra.
Ma stavolta il fatto di cronaca è unicamente di sfondo, perchè le luci non le accendo nè sul solito proiettile che se ne frega delle leggi della fisica e della balistica, ne sull' evento, ma sull'assoluta inettitudine e deficienza di chi dà il suo parere in veste di statista. Apro il corriere online e la pagina dei "commenti dei politici" mi fa letteralmente cadere le braccia.
Quindi accettate questo sfogo cosi' come viene in una circostanza che vedrà i giornali chiedere "che musica ascoltava" "che scarpe gli piacevano" e stronzate simili, con tutta la retorica sui giovani e senza dio e sulla società e sulla violenza eccecc (forse se salvano i romeni a sto giro, visto che una notizia diventa emergenza e ne cancella un'altra)

Cominciamo.

Corriere della sera on line...

Commenti delle personalità politiche, dei manager di questo paese:

Romano Prodi «episodi che destano molta preoccupazione». «È stato uno scontro fra tifoserie seguito da un incidente - ha detto parlando con i cronisti all'uscita della chiesa - ma «attendo di avere informazioni più precise».


cioè otto, dieci persone fanno a botte la polizia spara ad altezza uomo e il commento è quello??? Un presidente del consiglio multilaureato e con tante di quelle esperienze che "dovrebbe" permettergli un commento un po' più alto (e onesto)
scontro tra tifoserie... botte da orbi tra una decina di persone...rissa.
(trastevere: una sera si, una sera no)

MASTELLA - «È un episodio gravissimo, nessuno dia una mano a queste frange estremistiche, che sono tutt'altro che tifosi. Lo sport è sana competizione, non violenza»
«C'è un clima - osserva il leader dell' Udeur - di crescente violenza, che non va sottovalutato, e che da tempo ha contagiato il mondo dello sport. Ed è dunque giusta la decisione degli organi federali di rinviare la partita Inter-Lazio. Ma l'attenzione su questi problemi non deve calare, non si deve fermare ad oggi». «Servono quindi - sostiene Mastella - misure ancora più severe di quelle attualmente esistenti».


più di sparare ad altezza uomo per dieci che fanno a botte?

PDCI - «Ora basta. Il calcio deve fermarsi». «Dopo la morte del commissario Raciti sono stati presi dei buoni provvedimenti, che però, alla luce dei fatti, sono serviti solo a diminuire gli scontri negli stadi. E’ all’esterno che le cose non sono cambiate come dimostra l’ennesimo incidente mortale. Gli autogrill sono da sempre terreno di coltura di risse, spesso con gravi conseguenze, tra i tifosi». Secondo Licandro «è necessario un intervento ulteriore del governo per garantire l’ordine pubblico anche lontano dagli stadi. E’ necessario uno stop: il calcio deve fermarsi a riflettere, ancora una volta. Non si può morire per una partita».

nemmeno i comunisti puntano il dito sul proiettile che vola e poi scende fa una deviazione (il sasso genovese?) ed entra dal finestrino...la colpa è "dei tifosi"
-per la cronaca, la polizia ha affermato che non sapeva che erano tifosi, ha visto solo darsele di santa ragione-
Non si è morti per una partita ma per uno che è obbligato a sparare in aria e non ad altezza uomo.


CASINI - «Esprimo il cordoglio più sincero alla famiglia del ragazzo ucciso e a tutti i tifosi della Lazio», «qualunque cosa sia accaduta nella stazione di servizio sulla A1, la polizia deve essere solo ringraziata per il delicato lavoro che svolge ogni domenica in tutti gli stadi di Italia a tutela dell'ordine pubblico e della legalità contro gli ultras più violentì». «Mi auguro - aggiuge il leader Udc - che il dramma di queste ore non riapra quella assurda e ingiustificata 'caccia al poliziottò che si è scatenata in casi analoghi. Migliaia di agenti delle forze dell'ordine si sacrificano per la sicurezza di cittadini in occasione di ogni partita di calcio, rischiando la propria incolumità - ricorda - con stipendi al di sotto della soglia della dignità».

posso non commentarlo questo che partono gli strali?
QUALUNQUE cosa sia successa...c'è chi è meglio degli altri.
Ringraziamoli sempre e comunque..bella roba.

VELTRONI - «La morte del giovane tifoso laziale lascia senza parole. La città si unisce al dolore che in questo momento stanno provando i familiari di Gabriele Sandri, i suoi amici, la Lazio e i suoi tifosi. È urgente sia fatta piena luce su quanto accaduto». «Con grande rigore - ha aggiunto Veltroni - si deve stabilire al più presto l'esatta dinamica della tragedia di Badia al Pino, dove una giovane vita è stata stroncata. Ancora una volta, attorno a questo calcio si scatena quella violenza che in un paese civile come il nostro deve in tutti i modi essere fermata».

ecco ciccio di nonna papera...povero lui, poveri tutti...volemose bene la colpa è del calcio...
secondo voi è più violento uno che prende e spara o due che fanno a pizze?
A pizze per il calcio (nei modi che si sono usati nell'autogrill) ci sono da almeno 60 anni ricordando quello che mi raccontavano gli avi.
Se faceva a pizze, s'è sempre fatto a pizze, se fa a pizze anche per un semaforo rosso a Roma.
Non c'erano spranghe non c'era altro.
la7 commenta "ore dopo sono stati ritrovati coltelli"..ore dopo...tipo le molotov di Genova...
Ma se anche fosse, non spari ad altezza uomo.
Per cui altro commento a cazzus...

Durante il nervoso creato dalla lettura , nel pensare che c'è chi puo' prendere e decidere di infrangere la legge che LUI dovrebbe far rispettare,sapere che qualcuno puo' decidere di sparare a cotica, nel sentirvi scossi al pensiero che in quella macchina poteva esserci chiunque e di qualsivoglia età, in mezzo alla convinzione latente che siamo in un paese dove armano della gente che al primo frusciar di vento piglia e spara tipo signorina isterica (perchè stavolta non è un povero diciottenne in mezzo ad una guerriglia e minacciato, come c'hanno ripetuto per Genova)
durante tutto cio' vi verrà una risata nervosa che vi farà anche sentire in colpa... si si a voi... perchè non è satira, è peggio...




BERLUSCONI - «È stata una giornata terribile. Mannaggia, mannaggia...».

Così Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, ha commentato l'uccisione del tifoso della Lazio avvenuta in un autogrill.

......

non dico lo statista, non dico il politico, non dico l'imprenditore, non dico il comunicatore, non dico nemmeno il presidente del milan, non dico nemmeno il "buon padre di famiglia", non voglio nemmeno porre l'accento che ti chiedono un commento in veste di personaggio pubblico e con i microfoni...
ma una persona con tre rotelle, tre, magari a tu per tu davanti ad un bar commenterebbe in questo cazzo di modo?

"mannaggia"


E poi noi ci si chiede come a questi non venga uno scrupolo di coscienza nel votare certe cose anti "umanità"?
Ragà, io pensavo che quando facevano discorsi incomprensibili fossero messaggi a qualcuno che li avrebbe capiti, una specie di segnale di possesso dell'otto di briscola, a lobby, mafie e co...

No, questi so' proprio deficienti.
Chi più chi meno, ma sono assolutamente deficienti.

altrimenti non si spiega.

5 commenti:

gianfalco ha detto...

Questi che hai citato sono semplicemente altri colpi di pistola.
Sparati ad altezza uomo, si capisce...

capelli ha detto...

Che te devo di'? sono d' accordo con te.....i media e la politica cercano, come al solito, di deviare l' attenzione su altro....è sempre la solita schifosissima storia....sono contento che anche tu abbia colto il vero punto della questione, ma non mi stupisce, le persone intelligenti lo DEVONO capire.

Maurizio Silvestri ha detto...

Si spiega invece.
Ora te lo spiego io, te lo spiego. Tu dici che i politici commentano ad cacchium, vero? Io ti dico che i politici ce li mettiamo noi!

Oggi al lavoro si è parlato proprio di questo. Commento UNANIME:

"non criminalizziamo subito la polizia per un errore, che loro stanno lì per difenderci dai teppisti"

Cioè, uno passa di lì, muore perché gli sparano e, beh, pazienza. E' un errore!
Uno spara ad un tizio da 50 metri a mo' di cecchino e mi dici che è un errore?

Questo hanno sentito le mie orecchie.

Questa è gente che VOTA. Ripeto, commento unanime.

Non ti dico cosa hanno detto degli sgomberi dei rom. Io quando ci discuto mi sembro un extraterrestre. Lo vogliamo capire che questi che governano, stanno lì perché sono stati votati?

Gli italiani: se non gli tocci il portafoglio o un parente, quello che accade intorno, frega nulla.
Però sempre pronti a condannare i politici ladroni.

Alla Forleo e a De Magistris hanno segato le gambe perché indagavano su politici ladri. Frega qualcosa a qualcuno? La magistratura non è più indipendente, frega a qualcuno?
La petizione a sostegno della Forleo ha raggiunto a malapena 600 firme. Porca puttana. Lo vogliamo capire che non riguarda gli altri ma NOI STESSI? Mi sembrano tutti anestetizzati da grandi fratelli e isole di famosi!

(scusa lo sfogo)

BC. Bruno Carioli ha detto...

Hanno risposto ai due colpi con una raffica di...banalità.Una parola è poco..due sono troppe.

lucanellarete ha detto...

ti dirò, più degli altri, è quel mannaggia che non riesco a digerire
soprattutto perché viene da uno che nel mondo del calcio ci sguazza da decenni, se ne fa scudo e sostegno, e che ovviamente non farà nulla nulla nulla per cambiare le cose
che schifo il calcio italiano
ciao
luca